Senza nulla di proprio

Senza nulla di proprio 2017-12-25T18:53:41+00:00

Un documentario che rivela l’essenza di Francesco d’Assisi
attraverso la vita dei frati minori di Fonte Colombo.

Senza nulla di proprio è un documentario sulla vita dei frati minori diretto da Andrea De Benedictis e Valeria Schepis. L’opera si sviluppa dalle testimonianze dei frati di Fonte Colombo, il santuario immerso nei boschi di lecci secolari che lambiscono la Valle Santa, dove Francesco d’Assisi nel 1223 ha scritto la Regola dell’ordine francescano.

La dedizione ad una vita semplice ed essenziale costituisce il fulcro dell’ordine francescano. Questo stile di vita offre molteplici spunti di riflessione sulla natura umana, sulla consapevolezza di sé e sulla possibilità di un incontro con la trascendenza.

Come nasce il documentario

L’aspirazione alla felicità e la ricerca di un significato della propria vita spinge molti di noi a cercare luoghi e persone in grado di suscitare domande e di suggerire risposte ai nostri interrogativi. Spinti dal desiderio di comprendere meglio noi stessi e la realtà fuori di noi abbiamo compiuto un viaggio nei luoghi segnati dal passaggio di San Francesco e ci siamo fermati a Fonte Colombo, presso una comunità di frati. La nostra permanenza è stata segnata dal dialogo con la comunità che con autentica sincerità e ardore ha parlato al nostro cuore e alle nostre vite.

La conoscenza dei frati ha aperto in noi nuovi orizzonti di riflessione e ci ha chiarito il significato di essere frate oggi. Molti luoghi comuni oscurano la verità della vocazione alla vita religiosa e non sono in grado di spiegare il valore e il significato che in essa è racchiuso. L’esperienza vissuta tra i frati è stata per noi decisiva al punto da suscitare il desiderio di produrre questo documentario che ci ha spronato a portare avanti un lavoro di ricerca e di studio compiuto con dedizione e impegno.

Struttura narrativa

La narrazione è affidata ai dialoghi di quattro frati, alle immagini della splendida cornice naturalistica e storica di Fonte Colombo e a dolci melodie per pianoforte. La scelta di non utilizzare voci fuori campo e l’accurata scelta dei dialoghi e della colonna sonora accrescono il piacere dell’ascolto e intensificano l’elemento poetico che quest’opera regala.

La prima parte del racconto si sofferma sul passato dei frati svelando la nascita della loro vocazione.

La seconda parte presenta la storia del santuario di Fonte Colombo ed in particolare gli eventi legati alla stesura della Regola dei frati minori avvenuta in questo luogo nel 1223 per mano di San Francesco d’Assisi.

La terza parte rivela l’essenza degli insegnamenti di San Francesco mostrando come la vita dei frati li rende attuali anche oggi.

La quarta parte vuole offrire una risposta alla critica oggi diffusa nei confronti della vita religiosa vista come improduttiva e incapace di rispondere al bisogno di crescita sociale. La riflessione ruota attorno alla domanda: “Può una comunità come Fonte Colombo offrire un contributo alla nostra società?”. Ci si interroga anche sul rapporto dell’uomo con la natura e come il contatto costante con essa ci può predisporre ad un dialogo con noi stessi, con l’altro e con la trascendenza.

Fermarsi e ritrovarsi 

Il vivere quotidiano si presenta per molti di noi un flusso di azioni e di parole che lascia poco spazio alla riflessione e al confronto. La frenesia che gli ambiti del lavoro e della produzione impongono si ripercuote nella sfera privata e nelle relazioni. La nostra comunicazione ne risulta ampiamente influenzata e fortemente contratta dall’esigenza di ottimizzare i tempi.

Questo lavoro vuole rispondere al desiderio di fermarsi per osservare da vicino una realtà interessante di cui ci siamo fatti portavoce. La narrazione segue un ritmo che bene si sposa con l’armonia della natura e che guida lo spettatore all’ascolto e alla riflessione.

Grazie

Nel 2016 padre Carlo Cadderi ci ha lasciati all’età di 90 anni in piena attività di studio che lo ha accompagnato per tutta la sua vita. Desideriamo ringraziarlo per avere messo a nostra disposizione il suo tempo e le sue conoscenze e per il grande insegnamento di umiltà che ci ha trasmesso. Il nostro ringraziamento si estende a tutti i frati e al guardiano, padre Marino Porcelli per l’ospitalità che ci hanno offerto e soprattutto per l’esperienza edificante che ci hanno donato.

Dettagli e credits

Titolo: Senza nulla di proprio

Genere: documentario

Paese: Italia

Lingua: italiano

Sottotitoli: italiano e inglese

Durata: 35 minuti

Contenuti extra (85 minuti): testimonianze inedite, interviste integrali ed approfondimenti storici (la vita dei frati nel convento e le difficoltà, la vocazione di padre Giuseppe, i progetti di padre Carlo, accoglienza dei poveri e dei pellegrini, la vita di San Francesco, la regola dei frati minori, la storia di Fonte Colombo)

Anno: 2017

Produzione: AVdocumentary con il generoso contributo (attraverso la piattaforma di crowdfunding ProduzioniDalBasso.com) di: Francesco Leto, Carlo Driussi, Paolo Volpato, Luca Cristofari, Emanuele Salvaggio, Sage Manenti, Emilia Ferrari, Carmelo Di Chiara, Giuseppe Magliacane, Leonardo Paleari, Marco Balsi, Andrea Arrigo, Andrea Dettoni, Andrea D’Angelo, Maddalena Caputo, Roberto Di Cicco, Uberto Morano, Stefano Palma, Paolo Capriani, Marcello Casali, Amedeo Parente, Rosalba Magliacane, Davide Chinetti, Renato Razzano, Maria Rosa Inverni, Silvia Schepis, Giuseppe Porchetta, Paola Pedicone, Lino Meli, Daniele Paleari, Mario Naselli, Alessio Verga, Wolfang Leoni, Barbara Desideri, Andrea Colosimo, Nicola Santostefano, Marco Protopapa.

In collaborazione con il convento di Fonte Colombo

Protagonisti: padre Carlo Cadderi, padre Giuseppe Frasca, frate Sandro Romanato, frate Mario Cannucciari, Stefania.

Regia e montaggio: Andrea De Benedictis e Valeria Schepis

Riprese e audio: Andrea De Benedictis e Valeria Schepis

Musiche: John Hobart e Jason Donnelly